Vai alla HOME! RUBRICA di DIRITTO di FAMIGLIA
A cura di: avv. Marisa Bonanno
     
 
02/02/2008 12:13 versione stampabile dell'articolo
Rapporto tra il contratto di comodato senza scadenza e il provvedimento di assegnazione della casa famigliare
di : Marisa Bonanno   da : altalex
Il comodato, previsto e disciplinato dagli articoli 1803 e seguenti del codice civile, è un contratto reale essenzialmente gratuito che produce, in capo al comodatario effetti obbligatori, quale l’obbligo di costituire e conservare il bene, sia esso mobile o immobile, con la diligenza del buon padre di famiglia; di non servirsene che per l’uso determinato dal contratto o dalla natura della cosa (1804 c.c.); di non concedere a terzi in godimento il bene senza il consenso del comodante (1804 c.c.) e di restituire il bene alla scadenza convenuta o quando se n’è servito in conformità del contratto (1809 c.c.).

Il contratto di comodato non produce effetti reali poiché non costituisce, in capo al comodatario, un diritto di proprietà, ma semplicemente un diritto personale di godimento.

(....segua al link - altalex)

 
     

Informazione giuridica no profit - aggiornamento secondo disponibilità dei testi
testi di legge e sentenze privi di valore ufficiale
questo sito non presta consulenza legale on line
Curatore responsabile e titolare: avv. Maria S. Bonanno - Foro di Verona - VR via S. Leonardo n.4
Hosting: AWB Informatica - Londra
codice deontologico forense - direttiva 2000/31/CE

Realizzazione AWB Informatica - Copyright© 2001-2017 Studium Fori All Rights Reserved